Rocchetta Sant’Antonio, uno sguardo dall’alto

Domenica 12 maggio 2019 si terrà per le vie di Rocchetta Sant’Antonio l’evento culturale organizzato da Archeologica srl nell’ambito del progetto SAC Apulia Fluminum, finanziato su fondi FESR del Fondo sociale europeo – Piano di Azione e Coesione P.O.C. Puglia 2007/2013 Asse VI – Linea 4.2. “Tutela, valorizzazione e gestione del patrimonio culturale” – azione 4.2.2 ,e l’Operazione ‘Comunicando SAC’ – Accordo di Programma Quadro Rafforzato “Beni ed Attività Culturali” –  Delibera CIPE 92/2012 – FSC 2007/2013 – Scheda 49 – “Interventi materiali ed immateriali di valorizzazione dei beni di maggiore rilievo territoriale storico culturale”. 


 

L’evento avrà inizio alle ore 10:30 e si articolerà in un percorso di visite guidate per le vie del centro storico, dove si alternano, in un’armoniosa aggregazione, palazzi medievali e rinascimentali e caratteristiche abitazioni arroccate attorno alla collina.
 
Tra le tappe della visita guidata, in collaborazione con la Pro Loco di Rocchetta, la Chiesa della Maddalena, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie e la Chiesa di San Giuseppe, e in ultimo la Chiesa Madre, nel cuore del paese, intitolata in origine a Sant’Antonio Abate e successivamente alla Beata Vergine Maria. Splendido scrigno settecentesco impreziosito dal portale e dal campanile ottagonale sormontato da una cupola maiolicata, all’interno della Chiesa Matrice sarà possibile ammirare antiche tele e opere d’arte: la pala/tavola cinquecentesca della Madonna del Cardellino, di scuola Toscana attribuita al Giaquinto, l’Ecce Homo di Nicola Brudaglio e alcune tele di scuola napoletana.
Dopo aver toccato i ruderi dell’originario Castello di Sant’Antimo, secondo gli studiosi tardo-bizantino o normanno, il percorso di visita terminerà ai piedi del Castello D’Aquino (visitabile solo dall’esterno), interessante esempio di architettura rinascimentale impreziosito da una torre ogivale, simile alla prua di una nave, progetto attribuito a Francesco di Giorgio Martini.
  
Alle ore 13:00, al termine della visita guidata, all’ombra dell’imponente Castello, una degustazione di prodotti tipici e locali a cura di Dge System.